Non occorrono Carte di Credito. Pagamento posticipato con Bollettino Postale. Il tuo carrello | La Libreria ON Line


 
Ombre
di Filippo Semplici
Edizioni Il Filo
Racconti
186 pag. - Euro: 15,00
ISBN: 978-88-6185-592-2
 
Metti nel carrello
Voleva un regno tutto per sé?
Beh, adesso che ce l’aveva
non si sentiva affatto soddisfatto.
Ma avrebbe avuto
tutta l’eternità
per esplorarlo,
da cima a fondo,
collezionando
le ossa dei suoi simili
come macabri trofei
con i quali vincere
la solitudine e la noia
di una immortalità senza speranza.
 

 
Recensione di Giusy Salis
Ai limiti del grande romanzo giallo inglese e dell’horror story americano Filippo Semplici si muove con passo felpato tra la realtà più cruda e crudele e il sogno, il desiderio di potersi aggrappare a un mondo parallelo e fantastico dove rendere l’esistenza più sopportabile e colorata. Nei suoi racconti si incontrano voci e volti molto diversi che apparentemente sembrano giustapporsi senza una logica. Il loro vissuto però ci dona molto più di una storia per intrattenerci, scava davanti a noi le domande più profonde di circostanze improbabili quanto normali, soprattutto normali. Dall’uomo con un tumore incurabile che trova il modo per assicurarsi l’immortalità al padre in carriera che obbliga il proprio bambino a non credere più in Babbo Natale facendolo egli stesso a pezzi assieme alla sua innocenza, fino ai racconti tenebrosi e lucidi al tempo stesso del dead man walking da un lato e del malato psichiatrico dall’altro.
Dalla più cupa normalità le vite di questi personaggi emergono prepotenti e si trovano d’un tratto tutte a un bivio con la morte e l’unica risposta lottando per sopravvivere a volte sembra essere soltanto la follia, quel filo sottile che separa coloro che fanno ancora parte dell’umanità e coloro che ne sono banditi per sempre. Una follia che l’autore non descrive mai in questi termini, ma cui si avvicina per descriverne le fattezze con minuzia e rispetto per chi ne è affetto. Nessun particolare è risparmiato e il sangue, quello che fa battere il cuore a volte troppo forte, è il prezzo e il marchio di chi è risucchiato in questo vortice di “anormalità” o di chi la sceglie come possibile via di fuga o di salvezza.
 

Filippo Semplici è nato nel 1976 a Barberino Val d’Elsa (FI) dove vive e lavora nel settore della programmazione aziendale per conto di una multinazionale che produce autocaravan. Nel 1999 ha vinto il concorso di Fanucci Editore con il racconto Il cucciolo, pubblicato su “Futuro News”. Su “Libertare”, nel 2000, ha pubblicato un altro racconto, Pensieri, e infine, nel 2006, il romanzo breve Senza Paura (Tabula Fati).

 

 
Se anche tu hai letto questo Libro e vuoi lasciare un commento, clicka sul tasto che segue!