Il Rifugio degli Esordienti
Lettura Incrociata Agenda Esordiente Iniziative Interattive Soccorso Esordiente Professione Esordiente Vetrina Esordienti


 
 
 
 
Pubblicare col proprio contributo: Una scelta possibile?

Aiuta il Rifugio acquistando i nostri libri da...

La Libreria on line dove trovi i migliori libri degli Scrittori Esordienti Italiani
Chiunque si sia affacciato nel mondo dell’editoria italiana, partecipando a concorsi letterari, sottoponendo il proprio lavoro a qualche casa editrice, o passando attraverso i servizi resi da un’agenzia letteraria si sarà imbattuto almeno una volta in una proposta di pubblicazione con contributo. Presentata all’autore in forme diverse, quali la prenotazione di un certo numero di copie dell’opera, la partecipazione di uno "sponsor" all’iniziativa o semplicemente come la richiesta del versamento una tantum di una somma di danaro, si tratta in realtà di una pratica diffusissima, e rappresenta spesso per la maggior parte degli scrittori esordienti l’unica via percorribile per veder pubblicato un proprio lavoro.
Il Rifugio ha ricevuto decine di mail da suoi visitatori su questo argomento, sia da parte di autori in cerca di consigli sull’opportunità di accettare o meno proposte di questo tipo, sia da parte di scrittori che, avendo già pubblicato con questo sistema, hanno voluto raccontarci, nel [poco!] bene e nel [tanto!] male, la loro esperienza. Purtroppo, la conclusione sembra essere che nel settore delle pubblicazioni con contributo, accanto ad editori seri ed onesti che utilizzano davvero questo strumento come "integrazione" dei loro investimenti, esistono moltissimi personaggi che non sono affatto degni di fregiarsi del titolo di editore e che hanno come unico scopo quello di abbindolare il malcapitato autore esordiente. E' davvero triste dover ammettere questa realtà, ed anche se per evitare di incorrere in problemi legali (qualche minaccia l'abbiamo già avuta!) non possiamo permetterci di pubblicare i nomi di questi mascalzoni (molti dei quali comunque presenti nella nostra Pagina degli Editori), le numerose mail ricevute in proposito da tanti Visitatori del Rifugio che si sono trovati in simili situazioni, non lasciano dubbi, e devono sempre risuonare come un campanello d'allarme nelle situazioni di dubbio.
Il Rifugio, dal canto suo, sta cercando di monitorare il fenomeno attraverso tre iniziative.
La prima è il Grande Sondaggio, i cui risultati vi invitiamo a prendere immediatamente in esame per avere una chiara idea di ciò che, "statisticamente" parlando, vi attende nella vostra carriera letteraria.
La seconda è la certificazione delle case editrici che stiamo portando avanti già da qualche tempo. Con questa iniziativa il Rifugio si propone di marchiare con l'apposito simbolo "TESTED", quelle case editrici presenti nella nostra Pagina degli Editori per le quali siano giunte in redazione delle mail di lamentela o di approvazione. Per ogni mail di lamentela, dopo attenta verifica delle circostanze e del reale mittente, accanto a quell'operatore viene aggiunta una faccina triste di colore rosso. Per ogni mail di certificazione, dopo un analogo lavoro di verifica, all'operatore viene aggiunta una faccina sorridente di colore giallo. Ovviamente, le case editrici contrassegnate da un numero maggiore di faccine sorridenti, in base alle segnalazioni di autori che le hanno provate, sembrano offrire maggiori garanzie di professionalità ed onestà.
La terza iniziativa è denominata Esperienze e raccoglie, in forma più o meno esplicita, le storie di ordinaria editoria capitate ad alcuni degli Amici del Rifugio, e che ci sembrano significative per tutti gli altri Visitatori.
Infine, con l’aiuto di alcuni operatori professionisti del mondo del libro, cioè editori ed agenti letterari, abbiamo cercato di raccogliere in questa pagina una serie di consigli e di informazioni utili per valutare questo tipo di proposte editoriali. A dire il vero, comunque, molte delle considerazioni contenute in questa pagina sono applicabili anche a proposte di pubblicazione che non prevedono alcun contributo da parte vostra: distribuzione, qualità del prodotto, servizi editoriali e serietà dell'operatore sono parametri da valutare attentamente anche se non sono in ballo i vostri soldi!
Di seguito presentiamo perciò quelli che, a nostro avviso, sono i parametri principali da prendere in considerazione prima di accettare una proposta editoriale, soprattutto se si tratta di una proposta con richiesta di contributo dell'autore.
 
Cosa cerca l’autore ?
La prima considerazione investe l’autore in prima persona: cosa si aspetta da questa pubblicazione? Cosa rappresenta per lui lo scrivere? E’ solo un hobby, oppure vuole farne la sua ragione di vita? Se il suo interesse è quello di chiudere l’operazione editoriale almeno in pareggio dal punto di vista economico, è quasi certo che la pubblicazione con contributo non è la sua strada. Se invece vede questa operazione come un investimento per farsi conoscere ed aprirsi la strada nel panorama letterario italiano in vista di pubblicazioni future, ed intende quindi impegnarsi in prima persona dopo la stampa del libro per diffondere e pubblicizzare il suo lavoro, la pubblicazione con contributo può essere una soluzione giusta.
...Facendo però molta attenzione agli altri parametri di questo elenco!
 
Distribuzione e Promozione
Una volta accettata l’idea di pagare per vedere la propria opera pubblicata, occorre individuare gli elementi da prendere in considerazione per valutare la proposta che abbiamo ricevuto. Se infatti l’obiettivo dell’autore è quello di farsi conoscere, occorre essere certi che, una volta stampato, il proprio libro raggiunga capillarmente tante librerie, in tutta l’Italia. Ma non basta! Il fatto che il libro possa raggiungere molte città ed essere proposto a tante librerie non significa certo riuscire a distribuire e a vendere tante copie. Molto probabilmente, se si esclude la cerchia di parenti e conoscenti dell'autore, tanti possibili lettori non acquisteranno il libro per il semplice fatto che non sono neppure a conoscenza della sua esistenza! Occorre dunque che l'uscita di un libro si accompagni sempre ad una serie di iniziative, che saranno proposte, realizzate e finanziate in "tandem" dall'autore e dall'editore per pubblicizzare e promuovere il libro: si va dalle serate pubbliche di presentazione nelle zone in cui l'autore o l'editore sono più conosciuti, alla partecipazione a premi letterari per opere edite, alle locandine da appendere nelle librerie o altrove fino, nei casi più esagerati, agli spot televisivi e alla pubblicità sui quotidani. Ma, indipendentemente dalle iniziative realmente messe in atto, quello che conta, in realtà, è verificare che l'editore stesso risulti sufficientemente motivato a promuovere, pubblicizzare e diffondere il libro, e non sia invece tanto "appagato" dal contributo dell'autore da trovare in esso non solo la dichiarata "parziale copertura delle spese vive", ma l'intero guadagno dell'iniziativa. Sembra una richiesta scontata, ma è invece vero che nella maggior parte dei casi i volumi pubblicati con il contributo dell'autore restano non solo quasi totalmente invenduti, ma addirittura non distribuiti, o peggio ancora non stampati. Gli editori seri sono in grado di garantire la distribuzione dei loro prodotti, potendo dimostrare i propri contatti con diversi distributori editoriali operanti sull’intero territorio nazionale e possono dare testimonianza delle iniziative promozionali già messe in pratica in passato per gli autori che vi hanno preceduto. Ma non basta! Non lasciatevi tranquillizzare da un semplice elenco di ditte distributrici, perché a volte gli editori truffaldini hanno con queste società rapporti limitati, ed anche se si tratta di distributori operanti su tutto il territorio nazionale, per quel particolare editore possono avere un contratto limitato soltanto ad una o due librerie in tutta Italia! Provate a contattare direttamente qualcuno di questi distributori per sapere come stanno le cose esattamente! O, più empiricamente, effettuate qualche giro nelle librerie più fornite della vostra città per verificare l’effettiva presenza sul mercato di volumi editi dalla casa editrice alla quale intendete affidare la vostra opere ed i vostri soldi. Se non trovate sugli scaffali libri editi da quella casa, è già un brutto segno! Ma provate ad ordinare uno dei libri presenti nel catalogo del vostro probabile editore: se non riuscite ad acquistarlo nel giro di una o due settimane, siete proprio finiti in acque pericolose!
 
Numeri
L’autore deve essere in grado di controllare in ogni momento tutti i paramteri oggettivi della pubblicazione, solitamente espressi con dei numeri:
 
   - il codice ISBN assegnato all’opera
   - la richiesta e l’effettiva attribuzione da parte della SIAE dei bollini adesivi da applicare ai volumi
   - il numero di copie gratuite assegnate all’autore
   - il numero di copie stampate [del quale ci si deve poter accertare presso la tipografia indicata dall’editore]
   - il numero di copie effettivamente distribuite
   - il prezzo di copertina
   - la percentuale spettante all'autore
   - la data entro la quale il libro verrà effettivamente stampato
   - la durata del contratto
 
Il vostro contratto di edizione deve citare direttamente questi elementi, prevedendo i mezzi ed i tempi per verificarli. Attenzione al fatto che le cifre non vengano mai indicate come limite massimo, ma come numero effettivo: ad esempio non si dovrà parlare di una tiratura di massimo 1000 copie, ma di una tiratura di 1000 copie! Altrimenti l'editore avrà adempiuto il contratto anche stampando soltanto 10 copie dell'opera! Se l’editore non è in grado di fornire gli strumenti per tenere sotto controllo questi numeri, forse è meglio cercarne un altro.
 
I servizi editoriali
Un editore non è un tipografo. Nessun editore serio accetta di stampare qualsiasi cosa gli venga proposta, e nessun editore degno di tale nome stampa un testo così come l’ha ricevuto senza prima sottoporlo ad un azione, appunto di editing, volta a correggere gli errori grammaticali e di battitura, ad impaginare l'opera in un'adeguata veste tipografica e, spesso, a migliorare anche stilisticamente e semanticamente alcuni passaggi. Importante è pure la scelta dei caratteri utilizzati per la stampa, il modo in cui verranno rese alcune sottolineature dell'autore, con l'utilizzo di grassetti, corsivi, col cambio di tipo di carattere o con altre soluzioni editoriali.
Anche la copertina ha poi la sua importanza: il numero di colori utilizzati per l'illustrazione, il soggetto dell'immagine e la sua reale attinenza col contenuto del libro, le capacità artistiche e grafiche dell'illustratore ed il suo impegno nella realizzazione della copertina, sono tutti parametri che forniscono informazioni utili sulla serietà dell'editore al quale vi state affidando.
Quelli descritti sono servizi che un buon editore, interessato all'effettivo successo dell'opera, offre sempre all’autore.
 
La Qualità del prodotto
Il libro stampato è poi, in ultima analisi, un prodotto commerciale e come tale deve soddisfare una serie di requisiti qualitativi, indipendentemente dal testo che contiene: la qualità della carta, la grafica e il numero dei colori della copertina, il metodo e la qualità della rilegatura, l’impaginazione, il tipo di caratteri utilizzati per la stampa ed altri parametri contribuiscono a rendere un libro un prodotto gradevole da maneggiare, da sfogliare, e quindi da acquistare. Gli editori seri sono di solito prodighi nel regalare al nuovo autore qualcuno dei volumi da loro stampati in precedenza, proprio per mostrare la qualità dei propri prodotti editoriali. Ma in ogni caso, anche se l'editore non vi ha fornito materale per valutare la qualità dei suoi prodotti, fate un salto in libreria e cercate di sfogliarne qualcuno: avrete un quadro più preciso di come si presenterà il vostro libro se deciderete di pubblicare con quell'editore.
 
Un po' di storia...
Se avete la possibilità di accedere ad internet, utilizzate questo potente strumento per verificare la presenza in rete di articoli e servizi che riguardano l'editore in esame e che potrebbero chiarirvi il tipo di ruolo e di immagine che la casa editrice si è conquistata col suo lavoro. Se siete fortunati potreste addirittura individuare siti web, o schede come quelle della nostra Vetrina, relative ad autori che hanno già pubblicato con questa casa. Potreste allora cercare di mettervi direttamente in contatto con qualcuno di questi autori e chiedere loro le impressioni che hanno conservato di questa esperienza editoriale.
 
Il Contratto
Alla luce di ciò, all'interno del contratto che vi accingete a firmare, sia o meno richiesto il vostro contributo economico, dovranno essere presenti articoli che specifichino la maggior parte dei punti che seguono:
   - la durata del contratto
   - la data massima prevista per la pubblicazione del libro
   - l'impegno dell'editore a farsi assegnare il codice ISBN
   - l'impegno dell'editore a farsi assegnare dalla SIAE i bollini adesivi
   - il numero di copie gratuite assegnate all’autore
   - il numero di copie da stampare
   - il prezzo di copertina
   - la percentuale assegnata all'autore per ciascuna copia venduta
   - il prezzo al quale i volumi possono essere ceduti all'autore in conto vendita
   - il prezzo al quale il volume può essere acquistato per corrispondenza presso l'editore
Qualora poi le abbiate concordate verbalmente, il contratto dovrà mettere per iscritto le responsabilità dell'editore per quel che riguarda la distribuzione, le iniziative pubblicitarie, e le manifestazioni di presentazione del libro.
 
Per concludere...
In conclusione, una raccomandazione che può sembrare scontata, ma non lo è mai ed anzi andrebbe applicata ad ogni azione che comporti la sottoscrizione di un accordo scritto tra le parti: prima di firmare il contratto di edizione che vi verrà sottoposto, fatelo esaminare da un esperto. A volte paragrafi e articoli che possono sembrare del tutto innocui ad occhi non avvezzi al linguaggio legale, e che magari sono stati davvero scritti dal proponente in completa buona fede, finiscono col rivelarsi insidiosi e vessatori se esaminati dallo sguardo attento di un avvocato. Se avete dei dubbi su qualche articolo del vostro contratto, potete rivolgervi per un primo confronto al nostro servizio gratuito di assistenza legale, clickando qui.
 
E poi, un invito...
Se avete avuto delle esperienze personali, positive o negative, con qualcuno degli editori che pubblicano col contributo dell’autore, segnalateci la vostra storia. In particolare, se la vostra esperienza è stata positiva, potete segnalare la vostra Casa Editrice utilizzando l'apposito Modulo di Certificazione, mentre se avete avuto un'esperienza negativa, o quanto meno significativa, potete raccontarcela con una e-mail per la sezione Esperienze. E, allo stesso tempo, se state per accettare un contratto di questo tipo, e desiderate entrare in contatto con qualcuno che ha già pubblicato con quell'editore, sfogliate la nostra Vetrina. In questa vostra ricerca, potrà rivelarsi molto utile il potente strumento di ricerca che abbiamo messo a vostra disposizione sulla pagina principale del sito: digitate nell'apposita casella il nome dell'editore del quale state valutando la proposta, clickate sulla freccia verso destra ed il motore di ricerca vi mostrerà tutte le pagine del Rifugio in cui si parla del vostro possibile Editore! In ogni caso, indipendentemente da quale sia stata fino ad oggi la vostra storia con le case editrici, ed anche se siete ancora inediti, vi saremo grati se partecipaste al nostro Grande Sondaggio e ci aiutaste così monitorare la situazione attuale degli scrittori esordienti italiani!
 
 
Ti è piaciuto questo articolo?
Se questo articolo ti è piaciuto e pensi che ti servirà per orientarti nel difficile mondo editoriale italiano, c'è un solo modo concreto col quale puoi testimoniarci la tua gratitudine e, allo stesso tempo, aiutare altri Scrittori Esordienti come te a farsi conoscere. Fai un salto sulla Libreria On-Line di DANAE ed acquista subito qualche buon libro: troverai in catalogo tantissimi Libri, tutti di Autori Non Ancora Famosi, come ci piace chiamarli, ma tutti ben scritti e ben realizzati; Libri che sicuramente non deluderanno le tue aspettative. Vedrai che ci sono tanti titoli anche a meno di 10,00 euro, e scoprirai che per ordinarli non ti servono né carte di credito né altro, dal momento che li pagherai solo dopo averli ricevuti a casa tua, con un semplice bollettino postale precompilato, che ti arriverà assieme ai Libri e ad una copia gratuita della rivista DANAE Magazine. Non hai nessun motivo per tirarti indietro! Abbiamo bisogno dell'aiuto dei nostri Visitatori per portare avanti le nostre iniziative. E adesso, contiamo proprio sul tuo!
La Libreria on line dove trovi i migliori libri degli Scrittori Esordienti Italiani