Il Rifugio degli Esordienti
Lettura Incrociata Agenda Esordiente Iniziative Interattive Soccorso Esordiente Professione Esordiente Vetrina Esordienti


 
 
 
 
Come organizzare una serata di presentazione per un libro

Aiuta il Rifugio acquistando i nostri libri da...

La Libreria on line dove trovi i migliori libri degli Scrittori Esordienti Italiani
Chiunque abbia pubblicato un libro, sa per esperienza personale che la distribuzione del volume è fondamentale perché il libro si venda. In genere, però, gli autori sono portati a pensare che l'unico parametro davvero importante sia la capacità distributiva del proprio editore. In realtà tale elemento è senz'altro importante per un buon successo di vendite, ma non è l'unico da tenere in considerazione. Una buona distribuzione può far sì che un libro abbia la possibilità di raggiungere in breve tempo numerose librerie in un territorio più o meno ampio, ma perché questa possibilità si trasformi in una disponibiltà concreta del volume presso molti punti vendita, è necessario che i librai ai quali il libro viene proposto (dal distributore, dall'editore o dall'autore) siano interessati ad accettare quel libro nel proprio negozio.
Indipendentemente dalle capacità distributive del proprio editore, insomma, perché le librerie e i lettori si sentano invogliati ad ordinare un libro, non basta che abbiano la possibilità di farlo, e questo spetta alla distribuzione, ma è necessario che di quel libro sentano parlare, che lo percepiscano come una pubblicazione "ufficialmente" riconosciuta, e questo è l'obiettivo della promozione.
Se, dunque, per quanto riguarda la distribuzione un autore può sperare, ma ricordate che di solito non basta, nei canali che gli sono offerti dal suo editore, per la promozione è fondamentale che sia proprio l'autore stesso del libro a darsi da fare! Per far conoscere il libro, almeno nella sua città, sono senz'altro utili tutti gli strumenti promozionali che l'autore riesce a predisporre: recensioni su giornali locali, locandine da affiggere presso le librerie e in altri luoghi strategici, pieghevoli, volantini, interviste rilasciate a radio e TV locali e quanto altro gli possa venire in mente. Ma, mentre per tutti questi veicoli è necessario avere le conoscenze giuste o spendere dei soldi, all'autore resta sempre a disposizione l'arma della serata di presentazione che, con un po' di buona volontà e di impegno si può realizzare spendendo pochissimo, se non nulla, e può dare, specie nei centri medio-piccoli, grandi risultati.
In questo articolo cercheremo perciò di dare dei consigli su come organizzare questo evento, così importante nella storia di un libro, spendendo il minimo possibile ma realizzando lo stesso un evento simpatico ed interessante.
 
Dove organizzarla?
La prima decisione da prendere in relazione alla manifestazione è sul luogo presso la quale organizzarla. Esistono, ovviamente, diverse possibilità e non è detto che l'evento debba svolgersi in un singolo posto. Tuttavia, se vogliamo spendere poco o nulla, scartiamo senz'altro risotranti, pub, e birrerie dove, a meno che non siano di proprietà di vostro cugino, dovreste pagare l'affitto della sala. La cosa migliore è quella di contattare prima di tutto l'Assessorato alla Cultura (a volte è tutt'uno con quello della Pubblica Istruzione) del vostro comune. Nella maggior parte dei casi gli amministratori pubblici, specie nei centri medio-piccoli, si mostrano infatti interessati a supportare un loro concittadino nella presentazione del suo libro. Dall'Assessorato alla Cultura dipendono spesso la Biblioteca Comunale o dei Centri Sociali presso i cui locali il Comune sarà lieto di ospitare la mainfestazione. Immagino che il motivo principale dell'interesse mostrato dell'Assessore di turno sia legato al fatto che a costui non dispiaccia affatto presenziare ad un evento del genere e raccogliere in tal modo consensi per la prossima tornata elettorale, ma per noi, autori allo sbaraglio, si tratta di un prezzo ragionevole in cambio dell'appoggio del Comune. Ma non fermiamoci qui. L'utilizzo di una sala comunale presso la biblioteca, o in un centro sociale, o nell'aula magna di una scuola, ha di solito lo svantaggio di costringere l'autore a non far prolungare la serata oltre un orario ragionevole per gli impiegati comunali che in quella struttura lavorano: di solito per le 18:00 o al massimo per le 18:30 occorre sbaraccare! Questo problema può essere superato coinvolgendo nella manifestazione una libreria. Il libraio avrà l'opportunità di organizzarsi un banchetto per la vendita dei libri presso la biblioteca, dividendo gli incassi con l'autore secondo percentuali concordate, ma al termine delle attività nella sala pubblica, ospiterà l'autore presso la sua libreria fino all'orario di chiusura per un incontro diretto con i lettori... e per vendere qualche altra copia del libro.
 
Chi ci sarà sul palco?
Spesso, la serata di presentazione di un libro coincide con lo stereotipo più classico di una manifestazione noiosa e pesante. Il nostro sforzo dovrà essere concentrato per evitare nel modo più assoluto che ciò avvenga. Tale scopo si raggiunge innanzitutto coinvolgendo sul palco della manifestazione le persone giuste. Prima di tutto il presentatore. Costui, o costei, dovrà essere brillante, accattivante ed abituato a parlare ad una platea. Giornalisti, anche alle prime armi, animatori, speakers di radio o Tv private, attori di teatro o in ultima analisi insegnanti, vanno tutti bene allo scopo, a patto che siano sufficientemente motivati e si sappiano organizzare una scaletta con gli interventi ed un po' di domande da rivolgere all'autore e agli altri presenti (non dimenticate l'Assessore, che probabilmente sta sonnecchiando su un lato del palco). E poi qualcuno in grado di leggere con l'intonazione giusta qualche brano dal vostro libro: è il momento di fare una telefonata a quell'amico o a quell'amica che studia recitazione o che fa teatro per hobby. Non vi fate scrupolo di spulciare a fondo la vostra agendina per questa serata o di chiamare persone che non sentite da tempo: le persone da contattare per questi due ruoli fanno parte di solito di quelle categorie per le quali una presenza di più in pubblico è più gratificante di una serata al cinema o della solita pizza & birra, e probabilmente si sentiranno lusingati dal fatto che abbiate pensato proprio a loro per questa occasione. E se sono davvero vostri amici, saranno più che contenti di essere vostro fianco sul palco di questa manifestazione!
 
Il programma
Oltre che dalle persone che le daranno vita, il successo di una serata di presentazione dipende anche da ciò che accadrà durante la manifestazione, e quindi dal programma che saprete organizzare. Se volete ridurvi al minimo indispensabile, limitatevi pure alla sola lettura di qualche brano dal libro e alle domande all'autore da parte del presentatore e del pubblico. Ma se volete rendere la serata più interessante, aggiungete qualcosa di originale al menu! Gli ingredienti più semplici ed efficaci sono il film o la musica. Se vi orientate verso il film, potete scegliere di proiettare in sala un film, meglio se un classico, che tocchi gli stessi argomenti del libro, prima del dibattito. Tenete presente che la maggior parte dei presenti non ha ancora letto la vostra opera e quindi può conoscere solo parzialmente gli argomenti trattati. Per questo motivo, potrebbe avere qualche difficoltà a seguire il filo conduttore delle domande che il presentatore, che invece lo ha già letto, vi farà. La proiezione di un film che affronti, anche in maniera diversa, gli stessi temi del libro, oltre a costituire un motivo di attrazione in più per il pubblico non pagante, può essere utile per portare direttamente sull'argomento le persone in sala. Per quanto riguarda gli aspetti tecnici, le sale delle biblioteche o quelle dei Centri Sociali sono di solito dotate dell'attrezzatura necessaria alla proiezione di video. Compito vostro potrebbe essere invece quello di procurarvi una cassetta originale o un CD-DVD del film che volete proiettare. E non dimenticate di prendere accordi con l'Amministrazione Comunale affinché si interessino loro di tutto ciò che riguarda i permessi SIAE per la proiezione gratuita del film.
Se vi orientate alla musica, la scelta si allarga. Ovviamente molto dipende dai gruppi musicali locali con i quali avete contatti, e che di solito non si lasciano sfuggire l'occasione di suonare in pubblico e farsi conoscere. Ma cercate comunque di trovare qualcosa che leghi col libro! Non invitate un quartetto d'archi per un libro pulp, oppure una band heavy-metal per un libro di poesie romantiche! Col gruppo musicale a vostra disposizione, divertitevi pure ad inframezzare la lettura di brani con l'esecuzione di qualche pezzo musicale e spezzate il dibattito con un po' di sound se vi sembra che stia diventando troppo noioso.
Se deciderete di continuare la serata presso una Libreria, dovete pensare anche a come organizzare le cose per il secondo tempo della vostra manifestazione. Di solito in libreria c'è meno spazio e la gente passa, si trattiene un po' e poi va via. Per questo motivo, in libreria prevedete un contesto meno ufficiale, un vero e proprio momento di incontro tra l'autore e i suoi lettori, con tanto di dediche e autografi sui libri. Un piccolo buffet offerto dall'autore, sarebbe l'ideale per creare l'atmosfera giusta. Si formeranno i classici capannelli in cui si discuterà della vostra creatura, ed i presenti, pasticcino alla mano, avranno la possibilità di scambiare a turno quattro chiacchiere con l'autore...
 
La promozione
Per promuovere adeguatamente una serata del genere ci vuole tempo. Non vi affrettate inutilmente a fissare la data della manifestazione troppo presto. La serata dovrà aver luogo in ogni caso quando il libro è già disponibile nelle librerie della vostra città: non sarebbe carino che, dopo averne sentito parlare, qualcuno dei presenti si recasse poi in una libreria della zona e scoprisse che il suo libraio di fiducia non ha mai sentito parlare di quel libro. Un tempo ragionevole per la promozione della vostra manifestazione è di circa due settimane: un tempo più lungo rischia di farne dimenticare l'esistenza a chi ha letto la notizia su una locandina, un tempo più breve non consente alla notizia di diffondersi adeguatamente sul territorio. Ma il tempo non basta, è necessario anche predisporre adeguati strumenti pubblicitari per l'iniziativa. Se la manifestazione si svolge col Patrocinio del Comune, è possibile che l'Assessorato o la direzione della Biblioteca si occupino, a spese loro, anche della stampa di locandine e manifesti necessari a promuovere l'iniziativa. Inoltre l'ufficio stampa del Comune provvederà probabilmente a darne notizia agli organi di informazione. Ma non accontentatevi di ciò che il Comune potrebbe fare per voi. Indipendentemente dalle iniziative pubblicitarie intraprese dall'Amministrazione, cercate di portare avanti le vostre: Realizzate delle locandine o dei volantini, in tipografia o col vostro PC e un po' di fotocopie, e fatevi il giro dei punti d'incontro della vostra città: Bar, Cinema, Librerie, Associazioni, Scuole, Palestre, Parrocchie, Pub, Centri Sportivi e tutti gli altri che possano venirvi in mente. Telefonate o contattate le redazioni di giornali, radio e TV locali: magari passeranno la velina in un notiziario! Non dimenticate poi di invitare i Librai della vostra città, magari recapitandogli a mano un invito personale. E non trascurate neppure il vecchio, caro tam-tam: parlatene con gli amici, i parenti, i conoscenti, i vostri vecchi professori del liceo, che magari a loro volta ne parleranno alle classi. Non fate mai l'errore di dare per scontata la presenza di nessuno! Ed infine, non dimenticate che siete amici del Rifugio: utlizzate per tempo l'apposito modulo per richiedere l'inserimento della notizia nella nostra pagina delle News, e della vostra serata saranno informati tutti i nostri Visitatori: ogni quindici giorni per le nostre pagine dovrebbero transitarne più di un migliaio!
 
E dopo?
La serata di presentazione, se è ben congegnata, non esaurirà il suo ruolo nell'unica sera in cui avrà luogo. Se sarete stati così bravi da "attirare" alla vostra manifestazione qualche giornalista, anche di un giornale locale, potete sperare di trovare sulle sue pagine nei giorni seguenti un breve trafiletto sull'avvenimento e sul vostro libro che servirà a sua volta da traino per il volume.
 
Conclusioni
Come vedete tutto sommato bastano pochi soldi (quelli dei pasticcini, quelli per le fotocopie, ed eventualmente quelli per l'acquisto di una videocassetta originale) per organizzare una bella serata di presentazione. Ora, quindi, non avete più scuse: datevi da fare e cercate di trasformare il vostro libro in un best-seller!
 
 
Ti è piaciuto questo articolo?
Se questo articolo ti è piaciuto e pensi che ti servirà per orientarti nel difficile mondo editoriale italiano, c'è un solo modo concreto col quale puoi testimoniarci la tua gratitudine e, allo stesso tempo, aiutare altri Scrittori Esordienti come te a farsi conoscere. Fai un salto sulla Libreria On-Line di DANAE ed acquista subito qualche buon libro: troverai in catalogo tantissimi Libri, tutti di Autori Non Ancora Famosi, come ci piace chiamarli, ma tutti ben scritti e ben realizzati; Libri che sicuramente non deluderanno le tue aspettative. Vedrai che ci sono tanti titoli anche a meno di 10,00 euro, e scoprirai che per ordinarli non ti servono né carte di credito né altro, dal momento che li pagherai solo dopo averli ricevuti a casa tua, con un semplice bollettino postale precompilato, che ti arriverà assieme ai Libri e ad una copia gratuita della rivista DANAE Magazine. Non hai nessun motivo per tirarti indietro! Abbiamo bisogno dell'aiuto dei nostri Visitatori per portare avanti le nostre iniziative. E adesso, contiamo proprio sul tuo!
La Libreria on line dove trovi i migliori libri degli Scrittori Esordienti Italiani